Il mondo della falegnameria, reso più accessibile dai social network, nasconde molte insidie e difficoltà per chi non ne conosce tutti gli aspetti.

Uno di questi è la differenza tra i vari materiali strutturali; un esempio fra tutti la differenza tra MDF e truciolare.

MDF

L'MDF è un legno artificiale o derivato, composto da fibre di legno polverizzate, pressate ed incollate tra loro.

Il risultato sono pannelli di legno dalla superficie liscia e dalla struttura uniforme, adatti a qualsiasi tipo di lavorazione meccanica, soprattutto quelle a C.N.C.

Può essere ricoperto con fogli di laminato o essenze varie, o più semplicemente verniciato con laccature.

TRUCIOLARE

Anche il truciolare è un materiale ligneo realizzato a pannelli con la differenza che, rispetto al MDF, viene prodotto utilizzando trucioli di legno (pezzetti molto piccoli) incollati tra loro e non polvere (come nel MDF).

Questi pannelli sono molto leggeri, per lo più adatti per realizzare ante, strutture o pannellature.

Come l'MDF anche questo materiale può essere ricoperto in vari modi:

  • con fogli di carta nobilitata: chiamato truciolare nobilitato;
  • con fogli di laminato;
  • con essenze di vario tipo.



In conclusione possiamo dire che sono entrambi materiali molto semplici, ognuno adatto a diverse situazioni.

Il truciolare si presta, ad esempio, per la realizzazione di strutture interne leggere e stabili, con un giusto equilibrio tra finitura estetica (truciolare nobilitato) e prezzo.

L'MDF di contro si presta di più per essere scavato o lavorato a controllo numerico, realizzando maniglie a gola o incisioni particolari.

________________________________________________________

Sei interessato al nostro progetto "PORTE APERTE" e ai relativi articoli sul mondo della falegnameria su misura?

Vai all'indice completo

________________________________________________________

Sei interessato alla nostra azienda e al nostro modo di lavorare?
Scopri le nostre realizzazioni

________________________________________________________